Todi per le scuole

Tempio di Santa Maria della Consolazione (Todi, PG)

Durata 2 ore e mezza, Destinatari studenti di scuola primaria e secondaria

FOCUS Umbri, Romani, medioevo, rinascimento

Todi

Perché visitare Todi in gita scolastica?

Todi è stata una città di grande importanza in epoca antica. Abitata dagli Umbri e situata proprio al confine con il mondo etrusco.

La piazza principale, su cui affacciano i principali monumenti cittadini, è considerata una delle  più belle d’Italia.

L'aspetto è quello della tipica città medievale e permette di affrontare il tema dei cambiamenti delle città durante i secoli del medioevo e della nascita delle magistrature cittadine con i relativi edifici di rappresentanza

 

Cosa è possibile vedere durante visita guidata.

  • Chiesa di San Fortunato iniziata alla fine del '200, sul luogo di una costruzione preesistente. Custodisce le spoglie di San Fortunato, vescovo e martire, protettore della città. Nella sua cripta riposa Jacopone da Todi.
  • Piazza del Popolo antico foro della città romana, vi si affacciano i principali edifici pubblici cittadini e la Cattedrale.
  • Palazzo del Popolo (esterno) uno dei più antichi palazzi pubblici italiani. 
  • Palazzo del Capitano del Popolo (esterno) detto anche Palazzo Nuovo, venne edificato alla fine del '200. Unito tramite una grande scalinata al Palazzo del Capitano del Popolo, formano attualmente un unico complesso sede del Municipio e dei Musei Comunali.
  • Cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta, costruita a partire dal XII secolo sul sito di un edificio di epoca romana. 
  • Museo Pinacoteca comprende il Museo Archeologico (con una ricca collezione numismatica) e la Pinacoteca cittadina.
  • Cisterne Romane di Piazza del Popolo, unica parte visibile di un vasto complesso sotterraneo che garantiva l'approvvigionamento idrico della città. 

NEI DINTORNI

  • Santa Maria della Consolazione sorge ai piedi del colle di Todi, lungo la strada per Orvieto. La chiesa venne edificata tra Cinquecento e Seicento sul sito di una cappella in cui era presente un affresco con la Madonna e Santa Caterina d'Alessandria e presso la quale erano avvenute alcune guarigioni miracolose. Il tempio, a pianta centrale, viene considerato uno degli esempi più significativi di arte rinascimentale in Umbria e in Italia.